Nuove disposizioni di rilascio dei certificati di circolazione delle merci EUR1, EUR-MED e ATR dell’Agenzia delle Dogane

é prossimo un cambiamento nelle procedure doganali che può impattare sui tempi di consegna delle spedizioni che richiedono il rilascio dei certificati EUR1, EUR-MED e ATR e di quali provvedimenti può prendere per mitigarne l’impatto.

Quali spedizioni sono impattate?

Le spedizioni dirette in Turchia che richiedono il certificato ATR e quelle per le quali è previsto il rilascio di EUR1 o EUR-MED.

Qual è la normativa corrente per il rilascio delle certificazioni merci EUR1, EUR-MED e ATR?

L’attuale procedura di rilascio dei certificati di circolazione prevede la possibilità da parte dell’operatore doganale di richiedere la loro previdimazione al competente Ufficio delle Dogane. Questo consente uno sdoganamento tempestivo delle spedizioni.

Cosa cambia da fine aprile 2020 per le spedizioni EUR1, EUR-MED e ATR?

Lo scorso 26 luglio 2019, l’Agenzia delle Dogane ha pubblicato la nota 91956/RU riguardante le nuove disposizioni di rilascio dei certificati di circolazione delle merci EUR1, EUR-MED e ATR. La nota ha soppresso la possibilità della previdimazione degli stessi, consentendo un periodo transitorio fino al 22 gennaio, termine successivamente prorogato di 90 giorni con la nota 200901/RU del 3/12/2019. I certificati potranno essere chiesti solo dal momento in cui la merce e la documentazione accompagnatoria verrà messa fisicamente a disposizione della dogana per i controlli.

In sostanza, da fine aprile 2020 i vettori non potranno più previdimare i certificati. Ne consegue che i tempi di transito in esportazione per le spedizioni che prevedono i certificati EUR1, EUR-MED e ATR potranno subire dei ritardi presso le varie dogane di esportazione.

Cosa può fare perchè i tempi di transito delle esportazioni non si allunghino?

Se l’azienda è un’esportatrice abituale, può richiedere il riconoscimento dello status di Esportatore Autorizzato. In questo caso potrà attestare direttamente l’origine preferenziale delle merci in fattura indipendentemente dal loro valore, con risparmio di tempo e uno sdoganamento veloce.

Come può chiedere lo status di esportatore autorizzato?

La società che intende ottenere l’autorizzazione di esportatore autorizzato deve presentare apposita domanda scritta all’Ufficio delle Dogane competente per territorio. Sono previsti requisiti di carattere soggettivo ed oggettivo. Contattare l’ufficio doganale competente del proprio  territorio per tutte le informazioni necessarie.

Dal momento che la scadenza di fine aprile 2020 si avvicina, è importante fare richiesta dello status di esportatore autorizzato il prima possibile per evitare ritardi alle spedizioni.